• Contattaci

Alliance française Bologne

14/11 > 1/12 - IN VINO VERITAS

In vino veritas
Viaggio tra i paesi e i vigneti dell’Alsazia e del corso della Mosella - Reno
A cura dell’Associazione Terzo Tropico - Fotografie di Ivano Adversi e Cristina Berselli

Inaugurazione martedì 14 novembre ore 18
con la partecipazione di Valeria D’Astoli, soprano e Franco Troccoli, pianoforte
Durata mostra: dal 14 novembre al 1 dicembre


- L’Alsazia, forma una regione unica con l’altrettanto famosa Lorena. L’Alsazia è probabilmente la regione vinicola francese più celebre al mondo per i vini bianchi. In questa striscia di terra - al confine con la Germania e con questa lungamente contesa in passato - si coltivano quasi esclusivamente uve a bacca bianca con le quali si producono diversi e celebri vini.
- Va anche riconosciuto che in Alsazia si coltivano principalmente uve fra le più aromatiche al mondo - come Gewürztraminer, Moscato Bianco e Riesling – grazie all’indispensabile e primario fattore del territorio.
- L’Alsazia è fra le regioni vinicole più settentrionali della Francia, si trova a circa 500 chilometri a est di Parigi, al confine con la Germania vicino al corso del fiume Reno. - La regione Alsaziana è protetta a ovest dai Vosges, assicurando quindi un clima meno freddo, al riparo dai gelidi venti atlantici. Rispetto ad altre zone della sua stessa latitudine, il clima dell’Alsazia è piuttosto caldo e secco, e grazie alla protezione offerta dalle montagne, le piogge sono meno frequenti che in altre regioni della Francia.
- I paesaggi si snodano attraverso dolci colline, punteggiate da paesi con le case dalla caratteristica forma a pan de bois e da città famose con Strasburgo e Colmar.
La Strada dei vini della Mosella si snoda per 243 chilometri attraverso un romantico paesaggio fluviale, dalla graziosa località vinicola di Perl fino a Coblenza, dove la Mosella affluisce nel Reno.
- Il Reno, celebrato in tante opere e poesie, è certamente uno dei fiumi più belli d’Europa. Si può dire lo stesso per il suo affluente più lungo, la Mosella, che nasce in Francia e si getta infine con tutto il suo impeto nel Reno. Con le sue curve sinuose, la Mosella conquistò già i Romani e i Celti.
La Mosella, famosa per i suoi pittoreschi meandri, scorre così lentamente che sembra non voglia separarsi dalla splendida regione che attraversa. Bucolici centri del vino, vigneti dai nomi altisonanti, enoteche tradizionali e numerose attrazioni: ecco tutto quello che vi attende in questo straordinario paesaggio naturale e culturale, che ha in serbo ovunque piccoli e grandi tesori.
- Soprattutto nella valle media della Mosella il paesaggio è caratterizzato dalle colline della regione montuosa Rheinisches Schiefergebirge, con le sue fortezze, vigne, aziende agricole e la sua eterogeneità culturale. Sui pendii mozzafiato, in parte a oltre 50 gradi di pendenza, cresce molto bene il vitigno del Riesling, la specialità dominante della regione. Al giorno d’oggi questo romantico paesaggio fluviale, dove già i Romani e i Celti coltivavano le viti oltre 2.000 anni fa, ospita più di 100 località votate alla viticoltura, circa 5.000 viticoltori e circa 9.300 ettari con 70 milioni di piante di vite.