• Contactez-nous

Alliance française Bologne

Ciao Italia ! Un secolo d’immigrazione italiana in Francia (1860-1960)

Ciao Italia ! Un secolo d’immigrazione italiana in francia (1860-1960)
Alliance Française di Bologna
Via De’ Marchi, 4
Dal 1° al 28 febbraio 2021

Con il passaggio in "zona arancione" della regione Emilia-Romagna, in data 21/2/2021, non è consentito visitare la mostra.

Info comunicazione chez afbologna.it / Tel : 051332828

CALENDARIO DEGLI EVENTI

Giovedì 4 marzo, ore 18
Incontro online con l’autore : BARU

In occasione dell’uscita in Italia di "Bella ciao" - primo volume della trilogia "A caro prezzo" Oblomov edizioni - e della mostra "Ciao Italia ! Un secolo d’immigrazione italiana in Francia (1860-1960)", l’Alliance française di Bologna organizza l’incontro online con l’autore Baru (Hervé Barulea).

Intervengono Baru
Enrico Fornaroli, Prof. Accademia di Belle Arti di Bologna
Clémence Muller, Prof.ssa Liceo Galvani, sezione internazionale francese ESABAC
In collaborazione con Fédération Alliances Françaises d’Italia, Oblomov edizioni
Quando Giovedì 4 marzo, ore 18
Dove online Zoom/YouTube
Link Zoom https://alliancefr-it.zoom.us/j/91549645606?pwd=N2dmYVZYbk5aSjJDaXkxM0dIQlZqdz09
ID de réunion : 915 4964 5606
Code secret : BaruBO
Diretta You Tube Canale della Fédération Alliances Françaises d’Italia
E’possibile iscriversi attraverso il form e ricevere via mail le indicazioni per partecipare, il giorno prima dell’incontro https://forms.gle/TQ6ZqmoBsTZCZgED8
  • Con "A caro prezzo", Baru si misura con alcuni tra i grandi temi del Novecento – ancora oggi di grande attualità – come il razzismo e la rivolta contro lo sfruttamento dei lavoratori immigrati. Volume primo di tre (Bella ciao), "A caro prezzo" è un romanzo grafico corale che racconta tre storie legate indissolubilmente tra loro : quella dell’emigrazione italiana verso la Francia e il Belgio, a partire dalla dolorosa pagina del massacro di Aigues-Mortes, il 17 agosto del 1893, quando un gruppo di immigrati piemontesi impiegati nella raccolta del sale in Camargue, morì lapidato dalla furia di lavoratori francesi, furibondi verso gli stranieri “ladri di lavoro” ; l’autobiografia familiare, che Baru ricostruisce a partire dai propri ricordi personali e da quelli dei suoi familiari. Ricordi che ricostruiscono il difficile percorso verso l’integrazione, raggiunta a caro prezzo. È, infine, il racconto dell’origine di “Bella ciao” come canzone di rivolta, divenuta inno di resistenza conosciuto e cantato in tutto il mondo. (tratto dal sito Oblomov edizioni)
  • Hervé Barulea, detto Baru, è uno dei padri nobili del graphic novel d’oltralpe. Pluripremiato e pubblicato in tutto il mondo. La sua statura artistica ha ricevuto la consacrazione nel 2010 con il prestigioso Grand Prix de la Ville d’Angoulême, il premio alla carriera più prestigioso in terra di Francia.

Giovedì 18 e venerdì 19 febbraio
TONI di Jean Renoir


Una tragedia mediterranea. Sotto il sole di Martigues, nel midi francese, s’incrociano i destini di Toni, cavapietre italiano appena sceso dal treno degli immigrati, dell’affittacamere che diventa sua moglie, della focosa Josefa che diventa la sua ossessione, d’un capomastro stupratore.
Girato d’estate, incandescente di verità (qui cominciava il neorealismo), è un capolavoro al quale il restauro ha restituito il suo respiro e la sua profondità.
All’interno del programma del Cinema Ritrovato Fuori Sala, un’iniziativa della Cineteca di Bologna in esclusiva per i Soci e studenti dell’Alliance Française.

I soci dell’Alliance Française di Bologna riceveranno via mail (mercoledì 17 febbraio) il codice per accedere alla visione del film disponibile gratuitamente solo nelle giornate di giovedì 18 e venerdì 19 febbraio.

Giovedì 11 febbraio, ore 18
Presentazione online

Intervengono Prof. Stéphane Mourlane (commissaire scientifique de l’exposition, agrégé et docteur en histoire, maître de conférences en histoire contemporaine à l’Université d’Aix-Marseille)
Isabelle Renard (co-commissaire de l’exposition, docteur en histoire culturelle, responsable des collections d’art contemporain au Musée National de l’Histoire de l’Immigration)
Riccardo Brizzi (Professore Storia contemporanea - Università di Bologna
Ora disponibile sul canale YouTube della Fédération des Alliances Françaises d’Italia
Dal 1°al 28 febbraio l’Alliance Française di Bologna accoglie nella propria sede la mostra itinerante Ciao Italia ! Un secolo di immigrazione italiana in Francia (1860-1960), in collaborazione con il Palais de la Porte Dorée - Musée national de l’histoire de l’immigration de Paris, Institut français Italia e Féderation des Alliances Françaises d’Italie.

I sedici pannelli esposti si ispirano alla grande mostra del 2017 organizzata al Musée National de l’histoire de l’immigration di Parigi e rappresentano un itinerario geografico, socio-economico e culturale degli immigrati italiani in Francia dal Risorgimento agli anni della Dolce Vita.

Tra l’Ottocento e il Novecento, circa 26 milioni di Italiani e Italiane emigrano per motivi sia economici che politici. Una parte di essi si dirigono in Francia che all’epoca mancava di manodopera. Gli Italiani diventano così gli stranieri più numerosi in Francia dall’inizio del XX secolo fino agli anni 60’.

Oggi commemorata, la loro integrazione non avvenne comunque senza intoppi. Tra diffidenza e desiderio, violenze e passioni, rifiuto e integrazione, la mostra Ciao Italia ! narra questa storia evidenziando l’apporto degli Italiani alla società e alla cultura francesi. La mostra ripercorre il viaggio geografico, socio-economico e culturale degli Italiani in Francia dal Risorgimento a partire dal 1860 fino al 1960.

“Ciao“ fa parte di quelle parole che, accompagnando le migrazioni di milioni d’Italiani in tutto il mondo, sono state adottate dalle lingue dei paesi di accoglienza, come in Francia dove ormai fa parte del vocabolario corrente. Questo saluto serve ad accogliere e ad accomiatarsi allo stesso tempo. Ciao Italia ! è un arrivederci degli Italiani al loro paese, mai un addio. E’ anche una formula di benvenuto della Francia alla sua vicina.